Regolamento per le primarie dei sindaci approvato dal PD di Frosinone

primariecoalDi seguito pubblichiamo il testo integrale del regolamento quadro per le primarie dei sindaci della provincia di Frosinone approvato all’unanimità dall’assemblea provinciale del PD di Frosinone. 

 

L’ Assemblea Provinciale della Federazione Provinciale del Partito Democratico di Frosinone, riunita il 4 dicembre 2014 ha approvato il seguente

 

Regolamento quadro per la selezione delle candidature a Sindaco nei Comuni superiori a 5000 abitanti

 

Il presente regolamento quadro disciplina la selezione delle candidature del P.D. e della coalizione per la carica di Sindaco, nei comuni superiori a 5000 abitanti, tenuto conto che, in base dell’articolo 18, comma 4, dello Statuto Nazionale la selezione delle candidature per tali cariche avviene «in ogni caso» attraverso il metodo delle primarie.

 

Articolo 1

Convenzioni terminologiche

 

  1. Ai fini del presente regolamento quadro, per «primarie», si intendono le elezioni per la scelta del candidato a Sindaco come consultazione popolare per la scelta dei candidati a tali cariche.

 

Articolo 2

Convocazione e svolgimento delle primarie

  1. Le primarie si svolgono ad una distanza temporale non superiore a sei mesi e non inferiore a tre mesi dalla data prevista per le elezioni.

Nei casi in cui le elezioni si svolgano, a normativa vigente, tra il 15 aprile e il 15 giugno, le primarie si tengono in una domenica collocata tra il 15 di dicembre e il 28 di febbraio, salvo i casi di scioglimento anticipato delle amministrazione comunali con termini da riparametrare.

  1. Nella fattispecie in cui ci sia un sindaco uscente, iscritto al PD o della coalizione, ricandidabile per le leggi vigenti, le primarie sono evitabili nella misura in cui ci sia un pronunciamento di almeno il 70 per cento dell’assemblea degli iscritti del circolo territoriale.

 

Articolo 3

Comitato organizzatore

  1. Entro il 31 novembre/dicembre ( da decidere territorialmente ) dell’anno precedente alle elezioni viene costituito un Comitato Organizzatore delle Primarie, eletto dall’Assemblea del livello territoriale corrispondente e composto da un minimo di 5 ad un massimo di 15 membri, nel rispetto del pluralismo interno e della rappresentanza dei territori interessati e delle realtà che intendono partecipare alle primarie.

 

  1. Il Comitato Organizzatore: sovrintende allo svolgimento dei lavori; supervisiona il corretto svolgimento delle operazioni; predispone la modulistica per la raccolta delle firme; accerta i requisiti di ammissione delle candidature e la regolarità delle firme raccolte; ufficializza la lista dei Candidati ammessi e non ammessi e la rende pubblica mediante affissione presso le sedi del PD e della coalizione.

 

  1. Il Comitato Organizzatore inoltre: definisce i Seggi elettorali; nomina scrutatori e Presidente di seggio; predispone il materiale necessario allo svolgimento delle Primarie; definisce la localizzazione dei seggi; regola l’orario di apertura e di chiusura dei seggi; predispone la stampa, la consegna ed il ritiro della modulistica relativa all’esercizio del voto; fornisce i moduli di ricevuta dei contributi economici, eventualmente, versati dagli elettori; raccoglie i fondi e li contabilizza, unicamente per le spese organizzative se presenti.

 

  1. Le carica di componente del Comitato Organizzatore, componente del Comitato dei Garanti nazionale, regionale o provinciale, e di Candidato alle Primarie sono tra di loro incompatibili.

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo 4

Presentazione delle candidature

 

  1. Possono essere candidati alle primarie per la carica di Sindaco, i cittadini in possesso dei requisiti di legge che li rendano eleggibili a tali cariche, la cui candidatura non sia in contrasto con il Codice etico del PD e che abbia sottoscritto, oltre al presente Regolamento, il Codice etico e lo Statuto nazionale del Partito democratico nonché che siano in regola con i versamenti per la contribuzione al partito, nel caso ricoprano incarichi amministrativi remunerati.
  2. La candidatura a Sindaco può essere avanzata con un numero di sottoscrizioni dal 3 al 5 per cento  ( a scelta del comitato organizzatore locale ) degli elettori iscritti all’albo degli aventi diritto nel relativo ambito territoriale sommando  i giovani fra i 16 e i 18 anni.
  3. Le candidature devono essere sottoscritte su appositi moduli predisposti dal Comitato organizzatore.
  4. I moduli per l’accettazione di candidatura e per la raccolta delle sottoscrizioni riportano il contrassegno a colori del Partito Democratico o della coalizione, ma possono essere stampati ed utilizzati in bianco e nero.
  5. Le sottoscrizioni non hanno bisogno di autenticazione e si ritengono valide se raccolte in presenza di iscritti al Partito Democratico che ricoprano uno dei seguenti incarichi: Parlamentare nazionale o europeo; Consigliere o assessore regionale o comunale e i consiglieri provinciali e comunali.
  6. Le sottoscrizioni possono essere raccolte a partire dal lunedì immediatamente successivo alle date fissate e per le tre settimane seguenti, si può firmare una sola candidatura.
  7. Le candidature sono valide se accompagnate da una autocertificazione circa il soddisfacimento dei requisiti previsti dallo Statuto e dal Codice etico.
  8. Il Comitato organizzazione competente procede alla verifica della documentazione di presentazione delle candidature, della validità delle sottoscrizioni e della loro congruità rispetto ai requisiti quantitativi nonché della correttezza della documentazione richiesti.
  9. L’Ufficio può eventualmente accordare 48 ore di tempo ai candidati per integrare la documentazione richiesta dai regolamenti.
  10. Trascorse 48 ore dalla scadenza del termine per la presentazione delle candidature, in mancanza di ricorsi o contestazioni, l’Ufficio rende noti i nomi dei candidati alla Primaria.
  11. In caso di ricorsi, l’Ufficio li devolve al Collegio dei Garanti del livello territoriale immediatamente superiore, che decide in unica e inappellabile istanza entro 48 ore.
  12. Terminate tutte le operazioni della presentazione dei candidati, l’Ufficio stabilisce mediante sorteggio da effettuarsi alla presenza dei candidati o dei loro delegati, il numero d’ordine da assegnare a ciascun candidato. I nomi dei candidati saranno riportati sulle schede e su qualsiasi altro materiale prodotto per la campagna d’informazione secondo l’ordine assegnato dal sorteggio.

 

 

Articolo 5

Elettori

 

  1. Possono partecipare alle primarie le persone che alla data delle primarie abbiano compiuto il sedicesimo anno di età, cittadine e cittadini italiani nonché cittadine e cittadini dell’Unione europea residenti nel territorio comunale,, cittadine e cittadini di altri Paesi in possesso di permesso di soggiorno, iscritti e non iscritti al Partito Democratico, dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del Partito, e/o della coalizione e di sostenerlo alle elezioni, e accettino di essere registrate nell’Albo pubblico delle elettrici e degli elettori al momento del voto.

 

 

Articolo 6

Regolamenti locali

 

Ogni comitato organizzatore attua il presente regolamento quadro con proprio regolamento nel quale disciplina il funzionamento dei seggi elettorali, le modalità di scrutinio e la forma della rappresentanza dei candidati in esso, la dichiarazione dei candidati prescelti, eventuali quote di contribuzione per la partecipazione alle primarie sia da parte dei candidati che degli elettori.

 

 

 

Art. 7 – Trasparenza e sobrietà

Ai fini della trasparenza i candidati non possono sostenere alcun impegno economico.

Ai fini della sobrietà della campagna elettorale e della riduzione dei costi della politica, è fatto divieto ai candidati, ai loro sostenitori e al comitato organizzatore di ricorrere a qualsiasi forma di pubblicità a pagamento, come, ad esempio, spot su radio, televisioni, giornali, internet, o affitto di spazi pubblicitari. E’ consentita l’affissione di manifesti 70×100 per pubblicizzare incontri e riunioni dei candidati, a cura del comitato organizzatore.

 

Art.8- Impegni

I candidati che risultino non vincitori delle elezioni primarie si impegnano in maniera preventiva a sostenere il candidato vincente e la coalizione nelle elezioni amministrative.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close