Eventi culturali a Fontana Liri in sinergia con ATCL e la Regione Lazio

Si chiama “Piccoli Comuni incontrano la cultura” ed è il nuovo progetto della Regione Lazio e realizzato da ATCL in collaborazione con LazioCrea pensato per 47 piccoli comuni con meno di 5000 abitanti.

Concerti, spettacoli, attività per bambini, danza e incontri per un totale di 25 compagnie, 110 tra attori e tecnici, 20 tra studiosi e scrittori: un caleidoscopico calendario di eventi che disegnerà un itinerario “fantastico” di riscoperta del piccolo/grande territorio. 

 

All’interno di questa programmazione regionale, uno spettacolo è stato concordato anche a Fontana Liri. Nello specifico Sabato 9 Novembre, presso il centro polifunzionale di Via Fiume,
i svolgerà lo spettacolo “Mio padre, un Magistrato: la storia di Rocco Chinnici”, scritto da Clara Costanzo e dedicato a Rocco Chinnici, giudice pioniere dell’antimafia, ucciso dalla prima autobomba piazzata da Cosa Nostra, il 29 luglio 1983.

La storia di Rocco Chinnici è vista attraverso lo sguardo amorevole e addolorato della figlia e assume una forza emotiva eccezionale nella quotidianità dei Grandi ideali, del duro lavoro e dei gesti concreti della vita di ogni giorno.
Il lavoro nasce dall’incontro di Clara Costanzo, autrice ed interprete, con Caterina Chinnici, figlia del magistrato, in un caldo pomeriggio d’estate in Sicilia: poche parole d’intesa, sguardi di stima reciproca e il desiderio comune di narrare una vita.
Il violino di Roberto Izzo accompagna in scena Clara che, interpretando Caterina, racconta la storia di suo papà, Rocco Chinnici: un magistrato, un eroe, un martire ma soprattutto un uomo, un marito, un padre.
Le note inedite del violino e del canto evocano fatti storici, esistenze umane e atmosfere musicali in una variazione di linguaggi che trasfigura la biografia storica in una forma nuova.
Rocco Chinnici fu il primo ad affermare che per combattere la mafia bisognasse colpirla negli affari economici, ad intuire l’interdipendenza fra tutte le famfiglie mafiose e, conseguentemente, l’interconnessione dei grandi delitti di mafia. Modificò radicalmente il metodo di lavoro dei magistrati e riunì, sotto la propria guida, Borsellino e Falcone, istituendo così quello che, dopo la sua morte, prenderà il nome di poll antimafia: divenne il primo a portare la sua testimonianza nelle scuole, a parlare direttamente ai ragazzi, convinto che educare le giovani generazioni ad una nuova coscienza, fosse l’unica arma per costruire un futuro migliore.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi